Where
chieti, italia
Project
palazzo de majo
Designer
arch. carlo mezzetti
Products
Metropolitan operà, papillon
Total seats
158
Year of completion
2010

Palazzo De Majo, which dates back to the sixteenth century, has undergone numerous architectural transformations over the course of the years. The restoration project was thus inspired by its Layout and multifunctional design and aimed to fulfil the need to redevelop and revitalise the entire historic centre of the city of Chieti, making it an important Civic Centre Museum.

Even the interior work was dictated by precise design choices in the adaptation of the building, which preserves strong historical connotations, to the new needs of space distribution. This important setting, which also hosted Victor Emmanuel II on his journey to Teano, required lightweight and elegant furnishings for the auditorium and the multifunctional room, which Operà and Papillon designs respectively provided, while in the other areas Millennium, Naxos and Jolly were used.

 

Palazzo De Majo risalente al XVI secolo ha subito nel corso degli anni numerose trasformazioni dell’organismo architettonico. L’intervento di restauro quindi, è stato provocato proprio dalla sua composizione e dal suo carattere polifunzionale, per rispondere all’esigenza di riqualificazione e rivitalizzazione dell’intero centro storico della città di Chieti, che ne ha fatto un importante Centro Civico-Museale.

Anche gli interventi interni sono stati dettati da precise scelte progettuali di adeguamento dell’edificio, con forti connotazioni storiche, alle nuove esigenze di distribuzione degli spazi. Quest’ambientazione così importante, ospitò anche Vittorio Emanuele II in cammino verso Teano, ha richiesto un allestimento leggero ed elegante per l’auditorium e la sala multifunzione, rispettivamente Operà e Papillon, mentre per gli altri ambienti sono state scelte: Millennium, Naxos, Jolly.